Foto Val BorberaHomepage
   

 

Comunicato Stampa

07/03/2011

14 marzo 2011, inaugura il XXXIII Tour Gastronomico delle Valli Borbera e Spinti: il nuovo libretto gastro-turistico è dedicato a "Leonardo da Vinci, un Genio fra Arte e Cucina".

La serata con buffet è aperta a tutti e vedrà il ritorno di "Chef for Children", per ricordare i risultati raggiunti e lanciare una nuova iniziativa di beneficenza in favore dei bambini.

Inaugurazione presso il "Mulino Lounge & Dinner" di Borghetto Borbera (AL).
Alle 19:30 il pubblico verrà accolto da un buffet con le eccellenze enogastronomiche del territorio, a cura dei cuochi associati.

La nuova copertina mostra una continuità nella scelta e punta ad approfondire sempre più i legami storici fra Leonardo da Vinci e i nostri giacimenti gastronomici, come nel caso documentato del formaggio Montèbore. Un vero e proprio "codice del gusto" che si intreccia a questo territorio e sta rendendo possibile il collegamento turistico fra queste valli e il progetto appena pubblicato del Politecnico di Milano: "Expo Diffusa e Sostenibile - Esposizione Universale come manifestazione diffusa nel territorio con interventi ecosostenibili". La nostra storia culinaria segna una via che porta Leonardo direttamente dal 1489 verso l'Expo 2015 di Milano.

Ospite della serata Sergio Vastano, comico e attore brillante che tutti ricordano fin dall'esordio al "Drive In" come "Top Manager", e che da allora è stato presente in molti programmi televisivi e film. Oggi Vastano è conduttore su 7 Gold, con Franco Oppini, di programmi dedicati a vino e cucina (Sapori d'Autore e Vini d'Autore). L'ospite consegnerà le nuove targhe dell'Associazione ad ogni singolo associato, per rinnovare il patto d'appartenenza a questo gruppo di imprenditori "di frontiera". Quest'anno vi sarà poi un nuovo arrivo a sorpresa, sarà infatti consegnata dal Presidente Massimo Martina, e a nome di tutti gli associati, anche l'onorificenza di "Socio Onorario" al Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota.

Il programma prevede il saluto alle autorità alle ore 20:00; a seguire si concluderà la parte istituzionale con la rivelazione dei premiati e la consegna della "Margherita d'Oro 2011".
La serata, giustamente festosa, avrà anche l'accompagnamento musicale dei "Nesci per Caso", il trio musicale valborberino.

Chef for Children 2011:Chef for ChildrenAl termine della parte istituzionale, a due anni dalla prima iniziativa di beneficenza dedicata ai bambini, torna "Chef for Children", con l'impegno degli associati verso i più piccoli e per la raccolta di fondi, per ricordare a tutti il positivo progetto del primo anno, che vede il Bilibed (apparecchiatura per la cura dell'ittero neonatale) in funzione dal giugno 2009 presso l'ospedale di Novi Ligure e occasione per presentare il nuovo impegno di questa seconda edizione: il dottor Filippo Leonardo, direttore dell'Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus (presso l'Ospedale Gaslini di Genova), presenterà il progetto dedicato ai bambini affetti da questa patologia invitando i presenti ad unirsi agli chef per sostenere la ricerca scientifica sui tumori cerebrali pediatrici. Per maggiori informazioni: www.neuroblastoma.org

Dona adesso alla ricerca sul neuroblastoma!

Tornando al tema centrale della serata, una novità è rappresentata innanzitutto dall'impostazione grafica del libretto che promuove il Tour: il suo nuovo formato è più funzionale per il turista, con una grande cartina dove vengono citati tutti i riferimenti ai locali e alle attività ludico-sportive e culturali che si possono svolgere sul territorio. Le copie stampante salgono quest'anno da 20.000 a 30.000, raggiungendo così il numero di libretti distribuiti in versione digitale dal sito www.valborberaespinti.com (l'anno scorso furono appunto oltre 30.000 le copie scaricate tramite internet tramite pc, telefonini evoluti, smart phone o iPad).
Ancor più importante per il 2011 sarà la maggiore presenza nei social network, un canale di comunicazione che con Facebook, Twitter, YouTube e Flickr permette di essere presenti nei luoghi virtuali dove la gente s'incontra e conosce il mondo, dove si può scoprire il territorio tramite le nostre pubblicazioni e i racconti dei turisti che già l'hanno visitato. Quindi grande innovazione negli strumenti ma anche nella sostanza, indissolubilmente legata al cibo, in particolare ai prodotti e agli agganci tematici con quello che rende questo gruppo di imprenditori-amici meno provinciali e sempre più preparati per un pubblico italiano e straniero.
Per la copertina dell'anno scorso avevamo, infatti, concentrato l'attenzione sul legame fra territorio, Leonardo e Gioconda. Ci si chiedeva perché la Monna Lisa sorridesse: la risposta quest'anno la può dare Leonardo ai fornelli dalla nuova copertina, ripercorrendo così il suo ruolo di Gran Cerimoniere a quel banchetto del 1489, dove scelse il Montèbore. Queste scoperte legano le valli del Tour, e il territorio circostante, ai temi di tutela gastronomica dei prodotti tipici e rari propri dell'Expo 2015: le mostre artistiche che caratterizzeranno la vita culturale nei prossimi anni saranno tutte incentrate sui codici di Leonardo e sulle sue opere d'ingegno realizzate a Milano, come l'affresco dell'Ultima Cena. I turisti che, una volta visitato l'Expo, vorranno scoprire i luoghi vicini a Milano, dove le prelibatezze enogastronomiche nascono e vengono coltivate, potranno essere guidati anche dalla curiosità per la scoperta dell'origine del quadro più famoso al mondo. Sarà per loro un tema per un tour gastronomico-culturale unico, sempre legato a Leonardo e alla Monna Lisa, sarà un viaggio alla scoperta del "codice del gusto".
Per questo la Val Borbera propone per il progetto Expo Diffusa e Sostenibile, tramite l'associazione dei suoi Albergatori e Ristoratori, la prima proposta concreta e perfettamente a tema fuori dalla regione Lombardia. Non un vago tentativo di intercettare questo flusso turistico con generici prodotti tipici, senza avere reali collegamenti da offrire: si tratta invece di una concreta proposta turistica, vicinissima a Milano, con potenzialità tutte da sviluppare nei prossimi anni. Così, come specificamente richiesto dal coordinatore, il prof. Emilio Battisti, Massimo Martina, presidente dell'Associazione degli Albergatori e Ristoratori delle Valli Borbera e Spinti, ha predisposto, in collaborazione con l'agenzia di pubblicità che ha scoperto questi collegamenti storici e che si occupa dell'immagine dell'Associazione (Andrea Musso Comunicazione), una ricerca di approfondimento delle potenzialità turistiche, storiche e gastronomiche di qualità di tutto il territorio. Durante l'inaugurazione di questa serata sarà quindi ufficialmente consultabile la prima versione del volume "Expo Diffusa e Sostenibile" (www.eds.dpa.polimi.it).

Il buffet, oltre ad essere un momento conviviale, sarà anche fortemente simbolico. I partecipanti alla serata avranno infatti modo di sperimentare in anteprima questo "percorso turistico del palato" dedicato a Leonardo, con i sapori e i prodotti di quel lontano banchetto. Sono state poi molte anche le ribalte avute nel 2010 per i prodotti del nostro territorio, basta pensare alla nuova produzione di Timorasso e a Walter Massa premiato come "Vignaiolo dell'Anno", al Montèbore di Vallenostra, premiato come "Formaggio più amato dai Piemontesi" secondo i lettori de "La Stampa": due grandi giacimenti enogastronomici che vengono valorizzati a livello nazionale e regionale, che gli Associati fanno conoscere ,da sempre attraverso, i loro menù a tutti quelli che ancora non sanno quali tesori siano nascosti in questo lembo di Piemonte. L'Associazione può, a pieno titolo, definirsi il volano di questa produzione e ha trasformato, con gli altri imprenditori, in business questa ricchezza di zona, offrendo anche un'occasione di lavoro per i giovani invece di arrendersi allo spopolamento di questo territorio di montagna. Importante è stato anche il contributo dato ad alcuni avvenimenti sportivi come la Randonnée Ciclistica o la gara di UltraTrail Running "Le Porte di Pietra", (oggi diventata gara nazionale, una delle tre del Circuito Salomon), che hanno implementato l'aspetto turistico sostenibile e di qualità. Di questo e di altri argomenti si parlerà, dopo il saluto delle Autorità, con brevi interventi sul tema del "Turismo enogastronomico nel territorio e sviluppo".

 


Homepage

XXXV Tour Gastonomico 2013
Date del Tour primaverile e autunnale, menù e programma completo anche in formato eBook (PDF).
Libretto-cartina in distribuzione anche negli uffici turistici e presso i locali associati.

Alberghi e Ristoranti: dove dormire e dove mangiare?
Elenco degli alberghi e ristoranti con la loro posizione nelle valli rispetto ai punti di maggior interesse.

Cosa si fa in Val Borbera?
Parco Acquatico, Moto Club, Lupi Off Road 4x4, Natura Nuova escursioni e Centro Ippico.

Come arrivare in Val Borbera?
Mappa dei collegamenti autostradali nel triangolo Torino-Milano-Genova, mappa della valle con indicazione di musei, fortezze, scavi romani, casa natale di Fausto Coppi e Outlet dello shopping a Serravalle.

.

E' disponibile per i giornalisti la copertina del libretto del Tour Gastronomico (in alta risoluzione) per la pubblicazione con indicazione "www.valborberaespinti.com"

Consulta le date del tour gastronomico 2011


Vi aspettiamo quindi per un breve viaggio, poco lontano dalla città ma lontanissimo nel tempo. Vi guideremo alla riscoperta di una tradizione gastronomica autoctona e di prodotti della terra che abbiamo rischiato di smarrire per sempre.

XXXIII Tour Gastonomico 2011
Date del Tour primaverile e autunnale, programma completo
>>

I prodotti tipici delle Valli del Gusto.

Il tour gastronomico più longevo d'Italia, si svolge ogni anno nelle due edizioni di Primavera e d'Autunno, per celebrare le differenze stagionali delle eccellenze gastronomiche delle due Valli del Gusto.

S'incomincia con il tartufo, presente nelle tre varietā del tuber magnatum pico (bianco), tuber melanosporum vittadini (nero), tuber aestivum vittadini (scorzone estivo), seguono i funghi delle valli Borbera e Spinti (in particolar modo il "porcino", nome locale dei boleti), considerati fra i migliori al mondo per compattezza, sapore e profumo. E ancora le castagne, di piccole dimensioni, delle quali i boschi sono ricchissimi, ampiamente impiegate in cucina.

La fagiolana di Figino, una particolare varietà del fagiolo bianco di Spagna con pelle più morbida e pasta più saporita e raffinata, coltivata con l'antica tecnica delle "carasse" (cioè rustici pali di legno accoppiati), da vita ad insalate, minestre e contorni di antica perfezione. Le rarissime mele carle, raccolte quando il tempo della maturazione è già terminato, di gusto delizioso ma poco zuccherine, vengono usate per rustici e raffinati dessert (come le torte rovesciate o le creme cotte). Una specialità è anche il salame Nobile del Giarolo, a grana grande, di gusto delicato e preparato con un particolare impasto "condito" con sale e pepe nero, aglio e vino rosso.

La carne all'erba del Giarolo - Panà - Ebro, tutelata dall'omonimo consorzio costituito nel dicembre del 2001 su iniziativa di sedici aziende firmatarie (che rappresentano la totalità dei produttori di carne bovina di qualità delle Valli Curone - Grue - Ossona e Val Borbera e Valle Spinti), è il risultato di un allevamento che cerca di armonizzare il benessere degli animali e la sicurezza e qualità per i consumatori: in sostanza i vitelli nascono sui vasti pascoli delle valli e restano con la madre, nutrendosi di latte materno fino allo svezzamento. In seguito vengono allevati esclusivamente al pascolo e con alimenti locali.

I formaggi di capra, squisita tradizione della cultura contadina, sono ottenuti dall'allevamento di animali selezionati di razza Camosciata delle Alpi, tipica dell'intero arco alpino, alimentati con foraggi di produzione locale. Una citazione a parte merita il celebre e rarissimo formaggio Montébore, dalla caratteristica forma a torta nuziale (prodotto secondo il disciplinare Slow Food in un solo caseificio al mondo, sito a Mongiardino Ligure, con 75% di latte bovino proveniente dalle mucche razza Bruna Alpina, Tortonese, Genovese e Capannina e 30% di latte ovino).

Approfondimenti ulteriori sul Presėdio Slow Food del Montebore:
L'origine del Montebore č chiaramente spiegata sul sito Slow Food dedicato ai presėdi. Il nome viene dal paese di cui č originario, Montebore appunto, proprio sullo spartiacque fra le valli "Curone e Borbera", ancora oggi unica zona di produzione autorizzata. L'elenco dei produttori del vero formaggio Montebore, secondo la ricetta originale e riconosciuti dal presėdio Slow Food, vede ad oggi un solo caseificio in elenco: Vallenostra in Val Borbera.

Quanto ai vini, vitigno locale è il pregiato Timorasso, che da un vino bianco di elevata gradazione e sapore corposo e asciutto, recentemente rilanciato e riscoperto da Walter Massa e ormai riconosciuto come uno dei grandi vini bianchi italiani, che raggiunse nella guida Veronelli l'Olimpo dei migliori 20 vini d'Italia.

Il Tour gastronomico delle Valli Borbera e Spinti celebra quindi non soltanto uno sviluppo ma anche un turismo eco-compatibile, capace di sottolineare le basi del benessere e cioè il buon cibo e il contatto con la natura. Non a caso in queste Valli di anno in anno si moltiplicano e godono di sempre maggiore popolarità le occasioni sportive organizzate in collaborazione con l'Associazione Albergatori e Ristoratori delle Valli Borbera e Spinti: nel pieno rispetto dell'equilibrio ambientale, per esempio, interamente in Val Borbera si svolge l'ultra-trail running internazionale "Le Porte di Pietra", un percorso di 70 chilometri su terreni naturali, con un dislivello di oltre 4.000 metri e 10 ore circa di percorrenza, organizzato dalla squadra A.S.D. "Gli Orsi", cui hanno partecipato oltre 300 atleti provenienti da tutto il mondo, fra cui il campione del mondo Marco Olmo e il testimonial di Greenpeace Francesco Galanzino.

Le date del Tour Gastronomico, elenco associati, news e informazioni turistiche: www.valborberaespinti.com

Per informazioni: 0143697303
info@valborberaespinti.com

Il materiale fotografico è a disposizione dei gentili giornalisti >>

Cartella stampa >>
U fficio Stampa: dott.ssa Cristiana Boido


Comunicato Stampa 2010 >>

n zona:
Facile da raggiungere percorrendo l’Autostrada A7 della Milano-Genova, la zona è ricca di proposte di svago, di approfondimento culturale, di sport e anche di shopping: il Serravalle Outlet "della moda" Mc Arthur Glen (Serravalle Scrivia) è a pochi chilometri, così come gli scavi della Libarna Romana (uscita autostradale Vignole Borbera), il Museo del Ciclismo di Novi Ligure (uscita Serravalle Scrivia), le storiche strade dove si allenavano Fausto e Serse Coppi (uscita Serravalle Scrivia), lo spettacolare Forte di Gavi (uscitaVignole Borbera), la casa-studio-museo su Pellizza da Volpedo (uscita autostradale Tortona), il parco acquatico Bolle Blu (uscita Vignole Borbera).

Nella zona non mancano i Golf Club (Villa Carolina, con club house aperta ai pet e centro benessere, Serravalle Golf Club e Valcurone Golf & Country).

Moltissime le passeggiate nel verde, così come i percorsi non trafficati e suggestivi per ciclisti e motociclisti: per gli amanti degli animali, esiste l’iniziativa "6zampe", dedicata alle famiglie che viaggiano con il cane al seguito, affettuosamente accolto nei ritoranti e negli alberghi dell’Associazione Ristoratori delle Valli Borbera e Spinti.

 

     
Consorzio terre di Fausto Coppi, Ascom-Confcommercio, Comunità Montana Val Borbera e SpintiComunità Montana
 
Gal Giarolo Leader, Unione Europea, Regione Piemonte
 

Associazione Albergatori e Ristoratori della Val Borbera e Spinti
Via XXV Aprile 6 - Fraz. Castel Ratti, Borghetto Borbera (AL) Italia - P.Iva IT 01610050062
info@valborberaespinti.com - telefono +39 0143 697303 - fax +39 0143 697947

© 2008 Tutti i diritti sono riservati, All rights reserved - Fotografie: Andrea Busi e Dino Ferretti.
Web design:
Andrea Musso Comunicazione